BeautyLifestyle

Cosmetico naturale e biologico: come riconoscerlo?

2 Mins read
Cosmetico naturale e biologico: come riconoscerlo?

Il mondo della cosmesi si sta espandendo sempre di più verso una nuova era, quella del mondo naturale. La cosmesi del futuro è sempre più orientata verso la produzione di un tipo di cosmetico naturale e biologico.

Gli scaffali del supermercato ormai sono pieni delle diciture” prodotto naturale al..”, “senza siliconi e parabeni“, “formulato con“, “biologico..”

Ma in realtà che differenza c’è tra cosmetico naturale e biologico?

Partiamo col dire che preferire un prodotto di sintesi non deve scaturire dalla convinzione che ciò che è chimico “fa male” e ciò che è naturale “fa bene”, ma semplicemente da una scelta etica che il consumatore può avere o meno.

Sono tante le aziende che definiscono i propri prodotti “naturali” o “biologici”, ma quali lo sono realmente?

Non esiste una vera e propria legislazione a riguardo, esiste solo una norma: ISO 16128.

L’ISO è la più prestigiosa organizzazione a livello mondiale per la definizione di norme tecniche. In essa non sono stabiliti quali sono gli ingredienti ammessi o meno, né tanto meno la quantità minima all’interno del prodotto finito. Per di più non sono definiti nemmeno gli aspetti che riguardano i claim o l’etichettatura.

In questo caso, ne giova tantissimo il marketing che con il suo “green washing” ne approfitta a dismisura al fine di conquistare i consumatori.

Come? Inventando un proprio bollino BIO, riportando la scritta BIO nel nome oppure inserendo la sola percentuale degli ingredienti di origine naturale quando la formula è tutt’altro che “pulita”.

La differenza tra cosmetico naturale e biologico è molto semplice:

  1. COSMETICO NATURALE: è definito tale un prodotto costituito principalmente da ingredienti naturali o di origine naturale e privo, o quasi, di materie prime di sintesi e materie prime poco/nulla biodegradabili.
  2. COSMETICO BIOLOGICO: è definito tale un prodotto costituito da ingredienti provenienti da agricoltura biologica, senza OGM e osservando un elenco di sostanze non consentite. Almeno il 95% del 10% in peso sul totale degli ingredienti della formulazione finita deve essere certificato biologico (ad esclusione dell’acqua che normalmente occupa il primo posto nella lista ingredienti). In più, anche i materiali utilizzati per il loro packaging sono rivolti verso materiali riciclati e biodegradabili.

Per poterci difendere da un mercato confusionario, possiamo avvalerci di diverse certificazioni in etichetta, ovvero NATRUE e COSMOS ORGANIC.

Per quanto riguarda la prima, Natrue richiede livelli minimi più alti di sostanze non trasformate, delle quali il 70% deve provenire da agricoltura biologica e la percentuale di ingredienti naturali non trasformati deve essere del 95%.

Cosmos è appoggiato dagli enti certificatori Ecocert e Cosmebio in Francia, Bdih in Germania, Soil Association nel Regno Unito, Bioforum in Belgio e Icea in Italia.

Per ottenere la certificazione Cosmos bisogna avere certificati biologici anche per le materie prime e non solo per il prodotto finito.

 

Photo: Monfocus da Pixabay

13 posts

About author
"Un mondo tutto Bio." Ho una grande passione per la cosmesi biologica, mi piace consigliarvi i giusti prodotti e cercare di venirvi incontro ad ogni esigenza. Vi aspetto sul blog.
Articles
Related posts
AttualitàLifestyle

2023: E tu cosa hai cercato?

2 Mins read
Manca poco alla fine del 2023 e, come ogni anno, Dicembre rappresenta il mese in cui ci si appresta a fare il…
LifestyleMedicinaPsicologia

Un bacio allunga la vita, non solo di coppia

2 Mins read
 « Tu dammi mille baci, e quindi cento, poi dammene altri mille e poi di nuovo cento» così scriveva il poeta…
LifestyleMusica & Spettacolo

Festival di Sanremo: Tutte le curiosità sul festival della canzone Italiana

3 Mins read
C’ è chi lo ama e chi non sopporta già solo a sentirlo nominare. Una sigla inconfondibile si ascolta in TV. Sede…